LE PASSEGGIATE VERDI DEL GIOVEDÌ, OGGI ANDIAMO A... VILLA BORGHESE
Trekking urbano alla scoperta delle tante particolarità del più famoso e importante parco di Roma.
Data Escursione: dal 17-10-2019 al 17-10-2019

Tabella Tecnica
Proposta da : Associazione Camminatori Escursionisti Roma-ACER
Tipologia :
Dislivello : 0 m
Ore : 3 ore
Difficoltà : T
Lunghezza : 8 km

Descrizione Villa Borghese, realizzata nei primi decenni del Seicento per volere del Cardinale Scipione Borghese, è stata ampliata ed abbellita tra fine Settecento e inizi Ottocento da Marcantonio e Camillo Borghese. Nel 1903 il complesso è stato acquistato dal Comune di Roma e il Casino Nobile è stato aperto al pubblico diventando la Galleria Borghese (chiusa nel 1983 per un restauro durato 14 anni e riaperta nel 1997). La Villa si estende per 80 ettari e alterna giardini formali a giardini all'inglese, porzioni di campagna. Ancora oggi ha l'aspetto di 4 secoli fa, edifici di pregio, fontane, monumenti a uomini illustri. Si tratta di un patrimonio storico, artistico e di vegetazione senza pari.

Accompagnatore1: AEV Vicentini Nadia
Cell: 333 5921522


Accompagnatore2:
Cell:

Informazioni: La gita è riservata ai soci in regola con il tesseramento TESSERA FEDERTREK: obbligatoria: € 15 adulti, € 5 minori di anni 18 - N.B. si ricorda ai partecipanti che è obbligatoria l’esibizione della tessera e la trascrizione del numero. CONTRIBUTO ASSOCIATIVO DI PARTECIPAZIONE: 5 €; gratuito minori di 18 anni COSA PORTARE: Scarpe e vestiario da trekking, mantellina, torcia, borraccia, bastoncini APPUNTAMENTO: ore 9,30 P.le Flaminio 16 – davanti al bar “L'Angolo Bar” ARRIVO: Piazzale Flaminio

Nota: Si ricorda ai partecipanti che è obbligatoria l’esibizione della tessera FederTrek e la trascrizione del numero da parte degli accompagnatori. L’attività proposta può subire cambiamenti a discrezione degli accompagnatori per ragioni sicurezza e di opportunità per il gruppo, pertanto ogni tesserato è tenuto a rispettare le modalità di partecipazione stabilite dagli accompagnatori, seguendo le loro indicazioni. In caso contrario, verrà meno il rapporto di affidamento e, quindi, l’eventuale responsabilità verso chi sceglie percorsi o modalità differenti da quelle indicate.